Anna Rita Cosso eletta Presidente nazionale di Cittadinanzattiva

“Le sfide complesse che ci attendono le affronteremo con la voglia di sperimentare nuovi percorsi e nuove vie, mantenendo la coerenza della nostra storia”

Bologna – A Bologna, a margine della settima edizione del Festival della Partecipazione, l’Assemblea degli Enti Associati di Cittadinanzattiva ha eletto a Presidentessa nazionale dell’organizzazione Anna Rita Cosso, che succede ad Antonio Gaudioso.

Anna Rita Cosso, 64 anni, sposata e con una figlia, laureata presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Perugia, milita da 44 anni in Cittadinanzattiva avendo contribuito nel 1978 alla fase fondativa dell’allora Movimento Federativo Democratico. È stata segretaria regionale di Cittadinanzattiva Umbria.

Dopo 42 anni di servizio, sarà presto in pensione dal suo lavoro di responsabile del settore Beni e Attività Culturali del Comune di Spoleto.

“Credo nell’Europa, sono femminista, pacifista e antifascista. Le crisi sistematiche che abbiamo di fronte – la guerra, il cambiamento climatico, la ripresa dell’inflazione, la messa in discussione dei diritti civili e sociali, basti pensare alla scandalosa sentenza della Corte suprema statunitense sull’aborto – richiedono risposte adeguate e complesse che la nostra organizzazione è pronta a costruire”, ha dichiarato Anna Rita Cosso, da ieri Presidente nazionale di Cittadinanzattiva. “Uno dei doni che abbiamo come essere umani è che siamo resistenti come specie, ci adattiamo per natura: questo ci conforta perché vuol dire che se vogliamo, le soluzioni le troviamo per uscire da qualsiasi situazione di impasse. E spesso le soluzioni già si conoscono, bisogna solo agire per ottenerle. Il merito sta nell’innovazione, nella generatività, nell’apertura al mondo, nella voglia di sperimentare nuovi percorsi e nuove vie, pur mantenendo coerenza con se stessi e la propria storia”.