L’UE investe 5,4 miliardi di euro in infrastrutture di trasporto sostenibili, sicure ed efficienti

Bruxelles – La Commissione ha selezionato oggi 135 progetti di infrastrutture di trasporto per le sovvenzioni dell’UE, tra le 399 proposte di progetto presentate nell’ambito del meccanismo per collegare l’Europa (CEF), lo strumento di finanziamento dell’UE per investimenti strategici nelle infrastrutture di trasporto. Il finanziamento sosterrà progetti in tutti gli Stati membri dell’UE lungo la rete transeuropea di trasporto (TEN-T). Ad esempio, nel contesto dell’aggressione militare russa contro l’Ucraina, diversi progetti in Slovacchia e Polonia renderanno più facile il trasporto di merci tra l’Europa e l’Ucraina. Intervenendo oggi alla Connecting Europe Days a Lione, il commissario per i Trasporti AdinaVălean ha dichiarato: “Oggi stiamo stanziando 5,4 miliardi di euro per progetti in tutta Europa che miglioreranno i collegamenti infrastrutturali mancanti, renderanno i trasporti più sostenibili ed efficienti, aumenteranno la sicurezza e l’interoperabilità, nonché come creare posti di lavoro. Questi tempi difficili hanno rafforzato l’importanza del nostro settore dei trasporti dell’UE e di avere una rete infrastrutturale senza interruzioni e ben collegata. In particolare, progetti come l’ammodernamento del terminal di trasbordo ferroviario-stradale di Haniska pri Košicich faciliteranno ulteriormente i nostri collegamenti con l’Ucraina”. Diversi progetti rafforzeranno la rete ferroviaria dell’UE, compreso il tunnel della cintura di Fehmarn, lungo 18 km, che ridurrà significativamente i tempi di viaggio tra la Danimarca e la Germania. Ulteriori investimenti nella diffusione del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario renderanno le ferrovie più intelligenti, interoperabili e più sicure. I progetti includono anche la creazione di un’infrastruttura di parcheggio sicura per i camion, l’ammodernamento delle infrastrutture portuali di base, compresa la fornitura di energia elettrica a terra per ridurre le emissioni delle navi ormeggiate, il miglioramento dei collegamenti transfrontalieri delle vie navigabili interne e una serie di dimostrazioni pilota del cielo europeo digitale per l’aviazione verde e la mobilità aerea urbana. Queste sovvenzioni rappresentano la maggior parte dei finanziamenti del meccanismo per collegare l’Europa nell’ambito degli inviti a presentare proposte di settembre 2021 e seguono gli investimenti in progetti di mobilità militare e combustibili alternativi nell’aprile 2022.