Femminicidio, un posto occupato anche a Sala d’Ercole

Ad apertura dei lavori d’Aula, sarà collocato un pannello rosso su uno scranno dell’Ars


Palermo – Un pannello rosso, che simboleggia il posto che sarebbe stato occupato da una donna vittima di femminicidio, ad apertura dei lavori d’Aula, verrà collocato a Sala d’Ercole, in uno degli scranni occupati dai deputati. L’Assemblea regionale siciliana aderisce alla campagna nazionale “Posto occupato”, su iniziativa dell’ideatrice della campagna, Maria Andaloro e promossa dall’onorevole Valentina Zafarana e dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè.
“Posto occupato” nasce in Sicilia nel 2013 e si diffonde velocemente in tutto il Paese, diventando presto il simbolo di una battaglia volta a combattere la violenza di genere e i femminicidi.
Un’iniziativa per occupare fisicamente e in modo permanente una sedia, così come fatto in tutta Italia, nei cinema, teatri, scuole, consigli comunali, per ricordare che su quella sedia poteva esserci una donna che invece è stata uccisa.