Unione della salute: firma di un contratto di aggiudicazione congiunta con HIPRA per vaccini contro la COVID-19

Bruxelles – HERA, l’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie della Commissione europea, ha firmato un contratto quadro di aggiudicazione congiunta con la società HIPRA HUMAN HEALTH per la fornitura di vaccini a proteina contro la COVID-19. Questa aggiudicazione congiunta sotto l’egida dell’UE, che prevede l’acquisto di 250 milioni di dosi, vede la partecipazione di 14 Stati membri e paesi. Sullo sfondo del nuovo aumento del numero di casi in Europa, il contratto metterà in tempi brevi i vaccini di HIPRA a disposizione dei paesi partecipanti, appena il preparato avrà ricevuto una valutazione positiva dall’Agenzia europea per i medicinali.

La Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides ha dichiarato: “Mentre le infezioni da COVID-19 sono in aumento in Europa dobbiamo garantire di essere preparati nella maggior misura possibile alla vigilia dei mesi autunnali e invernali. Il vaccino HIPRA aggiunge un’altra opzione al nostro ampio portafoglio di vaccini ad uso dei nostri Stati membri e dei nostri cittadini. Nei prossimi mesi è essenziale incrementare il tasso di vaccinazione e richiamo. Stiamo lavorando senza risparmiarci per garantire la disponibilità di vaccini a tutti. È questa l’Unione della salute in azione: prepararsi anticipatamente ed essere pronti ad agire.”

Stella-Kyriakides

Il contratto di aggiudicazione congiunta con HIPRA integra un portafoglio di vaccini già ampio (garantito grazie alla strategia dell’UE sui vaccini) nel quale rientrano i contratti già firmati con AstraZenecaSanofi-GSKJanssen Pharmaceutica NVBioNtech-PfizerModernaNovavax e Valneva. La strategia dell’UE sui vaccini ha già garantito circa 4,2 miliardi di dosi. Questo portafoglio diversificato di vaccini garantirà che l’Europa si mantenga ben preparata per la vaccinazione contro la COVID-19, utilizzando vaccini di provata sicurezza ed efficacia.  Gli Stati membri partecipanti possono anche decidere di donare i vaccini ai paesi a reddito medio-basso o di ridistribuirlo ad altri paesi europei.

Il vaccino bivalente a proteina ricombinante di HIPRA è attualmente in fase di esame continuativo presso l’Agenzia europea per i medicinali; se ne prevede l’impiego come dose di richiamo in soggetti precedentemente immunizzati che abbiano almeno 16 anni. Il vaccino HIPRA si conserva a temperatura frigo, tra 2 e 8 ºC: questa caratteristica ne agevola l’immagazzinamento e la distribuzione in Europa e nel resto del mondo.

Prossime fasi

Il vaccino contro la COVID-19 di HIPRA è attualmente in fase di esame continuativo presso l’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Se il vaccino riceverà l’autorizzazione all’immissione in commercio, i paesi partecipanti potranno acquistarlo in forza del contratto quadro stipulato.

Contesto

HERA è un pilastro fondamentale dell’Unione europea della salute e una risorsa fondamentale per rafforzare la risposta e la preparazione alle emergenze sanitarie dell’UE. HERA è stata creata nel settembre 2021 per sostituire le singole soluzioni ad hoc impiegate nella gestione e nella risposta alla pandemia con una struttura permanente dotata di strumenti e risorse adeguati per pianificare l’azione dell’UE in caso di emergenze sanitarie.

L’accordo di aggiudicazione congiunta dell’UE offre ai 36 paesi partecipanti la possibilità di acquistare congiuntamente materiale medico contro le emergenze sanitarie, in alternativa o come integrazione all’aggiudicazione a livello nazionale. In precedenza sono stati conclusi contratti quadro per le terapie contro la COVID-19 con le società Hoffmann-La Roche e GlaxoSmithKline Ltd. per l’acquisto di anticorpi monoclonali e con Gilead per l’acquisto di un antivirale. HERA porta avanti una stretta collaborazione con i paesi partecipanti al fine di individuare le priorità nell’ambito dell’aggiudicazione congiunta e di operare concretamente.