Unione Popolare, De Magistris: «Grazie a Unione Popolare parte da Palermo il riscatto del Sud»

Palermo – Piazza Verdi 20 settembre ore 22. A cinque giorni dal voto nella piazza riecheggia “Bella ciao”. Dopo l’ennesima campagna elettorale densa di messaggi contraddittori e populisti, “Unione Popolare” si presenta alle cittadine e ai cittadini di Palermo con le “mani pulite”. A dirlo, dal palco, è Luigi De Magistris, portavoce nazionale del movimento che riunisce DeMa, Manifesta, Potere al Popolo e Rifondazione Comunista.

Dopo gli interventi dei candidati Maria Grazia Carini, Marcello Bartolotta, Ramon La Torre, Fulvio Vassallo Paleologo, Simona Suriano e Piera Aiello è salito sul palco Luigi De Magistris. Uomo del Sud, già magistrato e Sindaco di Napoli, De Magistris ha parlato guardando negli occhi i partecipanti all’evento. Le bandiere di “Unione Popolare” sventolano nella fresca sera palermitana.

Ricompensare e rispettare il lavoro, lottare
per la sicurezza economica e contro la povertà, perseguire la pace e la democrazia in Europa e nel mondo, migliorare la sanità e la pubblica amministrazione, ridare dignità all’istruzione e investire nella ricerca, fermare l’autonomia differenziata e salvaguardare i beni comuni e i servizi locali, trasformare il sistema energetico e dei trasporti per attuare una vera
riconversione ecologica, proteggere l’ambiente e sostenere l’agricoltura, ricostruire la nostra industria favorendo un nuovo modello di sviluppo con al centro la cultura, tassare di meno chi ha poco e di più chi ha tantissimo, combattere contro le mafie e garantire una giustizia equa, far crescere i diritti e le libertà.
Questi i contenuti del programma di “Unione Popolare” che sono stati lanciati da De Magistris dal palco «È un programma ambizioso, ma necessario per affrontare i problemi di lungo corso del nostro paese e le nuove emergenze degli ultimi anni. Col sostegno dell’elettorato vogliamo aprire la strada a un’Italia più giusta che guarda al futuro: in prima linea nella lotta alla crisi climatica, per una vita degna e una società libera» ha dichiarato De Magistris.

«Unione Popolare – ha continuato Luigi De Magistris – è l’unica forza che dice no all’autonomia differenziata. Noi diciamo si al riscatto del Sud; a togliere ai super ricchi per dare a chi sta in difficoltà; a svoltare sulle politiche ambientali e pacifiste. L’unica forza di sinistra ed antifascista in campo. L’unico voto necessario per il riscatto del Mezzogiorno e per unire il paese nelle sue diversità».