Vertenza AST S.p.A., Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl autoferrotranvieri

“Il tempo passa inesorabile, fiumi di corrispondenza tra regione e azienda ma non si registra alcun passo avanti.

Chiesto urgente confronto con la Società, non ci si costringa a bloccare i servizi in tutta l’isola”

Palermo – “Lo avevamo chiaramente detto e lo abbiamo già fatto, l’assenza di confronto con le parti sociali determinerebbe la mobilitazione dei lavoratori. E’ già accaduto mesi fa, due giornate di sit-in sotto la sede istituzionale dell’Ast S.p.A. e un presidio sotto la sede dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture che avevano fatto ripartire il dialogo  su un’azione condivisa quale elemento valoriale per il salvataggio ed il rilancio dell’azienda. Ma adesso si è ripiombati nel silenzio, se dobbiamo riprendere le iniziative di protesta per avere il confronto con l’Azienda e con la proprietaria Regione siciliana siamo pronti a farlo, ma questa volta ci si costringe a bloccare i servizi in tutta l’isola”. A scriverlo in una nota congiunta i segretari regionali di Filt Cgil Alessandro Grasso, Fit Cisl Dionisio Giordano, Uiltrasporti Agostino Falanga, Faisa Cisal Aldo Moschella ed Ugl autoferrotranvieri Giuseppe Scannella dopo aver chiesto un urgente incontro ai vertici di Ast S.p.A., che aggiungono, : “non sono questi i tempi del confronto sindacale soprattutto quando un’Azienda è in stato di crisi, la preoccupazione tra i lavoratori per le sorti della Società si accresce ogni giorno, al momento non ci sono certezze ma fiumi di corrispondenza tra la regione siciliana e l’azienda”. E continuano, “abbiamo richiesto un incontro urgente alla Società se  è pur vero che è prioritario che si impegni al massimo per consegnare bilanci e piano di risanamento per uscire da questa fase di grande criticità, è altrettanto vero che l’Azienda è viva e necessita quotidianamente delle giuste attenzioni del suo management per proseguire i servizi d’istituto. E su questo versante, quello della corretta organizzazione interna, del rispetto dei ruoli, dell’efficace pianificazione per il funzionamento dei servizi, abbiamo l’impressione di un’Azienda in confusione, con plurimi e sovrapposti ‘centri di comando’ che risultano inefficaci nella soluzione delle problematiche presenti nelle diverse agenzie della Sicilia, a volte persino in palese contrasto con le disposizioni del direttore generale, troppo spesso con disposizioni prive del necessario e propedeutico confronto con le parti sociali, si ha in sintesi la suggestione dell’ineluttabilità degli accadimenti aziendali interni”. I sindacati proseguono, “anche la proprietà Regione siciliana, al netto dell’impegno che il Presidente della Regione Renato Schifani ha messo in campo con la nomina del professor Michele Perrino, riteniamo abbia il dovere, attraverso le sue articolazioni assessoriali interessate, in primis l’assessorato all’ Economia, di dare una risposta alle richieste continue di confronto che abbiamo a più riprese sollecitato e fino ad oggi rimaste lettera morta. L’auspicio è di non dover attivare il confronto con l’assessore Falcone attraverso il presidio permanente dei lavoratori sotto la sede dell’assessorato, ripetendo ciò che abbiamo già concretizzato nei confronti dell’assessorato alle infrastrutture”.